sâmbătă, 26 iulie 2008

cate ceva despre crestinism si iisus

cate ceva despre crestinism si iisus

cand o sa am timp o sa ma uit mai cu atentie
aici
aici
aici
aici pentru continuare

vineri, 25 iulie 2008

Retete naturale de curatat

Lamaile, bicarbonatul de sodiu si alte produse din camara proprie te vor ajuta sa cureti diferitele suprafete fara a afecta mediul inconjurator.

Cu ajutorul acestor produse iti poti face chiar tu solutii naturale de curatat. Sunt usor de realizat iar costul este mic. Incearca aceste retete si curata suprafetele in mod natural!

Observatie Nu amesteca niciodata amoniacul cu clorul pentru ca se vor emana vapori care pot fi mortali.
1. Soltuii parfumate
Bicarbonatul de sodiu si sarea sunt substante abrazive, dar nu foarte dure, care pot lua usor locul pudrelor de curatat din comert. Sarea este ceva mai dura, dar totusi destul de blanda pentru curatarea diverselor suprafete.

Creeaza-ti propria substanta de curatat combinand cateva picaturi de ulei parfumat cu bicarbonat de sodiu sau sare, ajutandu-te de un tel. Pune substanta obtinuta intr-un recipient de sticla cu capac. Daca parfumul se evapora mai adauga o picatura.



2. Foloseste lamaia Lamaia este cunoscuta pentru buna curatare si inalbire a suprafetelor. Fiind acida, lamaia se va folosi pentru curatarea suprafetelor cu depuneri de calciu, cauzate de apa dura sau stergerea petelor lasate de sapun.

3. Produse pentru curatat sticla
Poti obtine o solutie pentru curatat sticla utilizand doua cani de apa, 2 cani de spirt si o jumatate cana de amoniac. Pune solutia obtinuta intr-un recipient tip spray si foloseste o carpa curata, care absoarbe bine, dar care sa nu lase scame (o carpa din bumbac moale ar fi ideala). Amoniacul este substanta activa care va face cam toata treaba, dar alcoolul grabeste uscarea.



Alte modalitati de a curata natural
Amoniacul Dilueaza o lingurita de amoniac in jumatate de litru de apa pentru o solutie puternica care va indeparta grasimea. Tine minte sa nu combini niciodata amoniacul cu clorul.
Bicarbonatul de sodiu Pulverizeaza-l direct pe suprafata solidificata si freaca cu o carpa veche.
Sapun de vase Daca vrei sa faci o solutie pe care sa o folosesti doar o data, dizolva o lingurita de sapun de vase intr-un sfert de litru de apa si adauga o lingurita de otet.
Sarea Pentru a face o pasta care indeparteaza petele de calcar, cauzate de apa dura, combina un sfert de ceasca de sare cu doua lingurite de otet.
Lamaile Pentru a inlatura rugina sau petele de mancare, stoarce o lamaie chiar pe suprafata respectiva si lasa sucul sa actioneze timp de 30 de minute.

Otetul Dilueaza otet alb in apa pentru a face fata murdariei lipicioase, petelor de sapun, depozitarilor minerale sau cerii intarite.

din elle.ro

joi, 24 iulie 2008

City of David

History lives. The City of David encapsulates the Biblical City of Jerusalem where King David himself roamed over 3,000 years ago. This outstanding website brings remote visitors face to face with the protagonists and locations of the living Bible. Its fabulous visuals and the rich descriptions of the site in English, Spanish, Hebrew, French and Russian bring to life the only place on earth where the only guidebook actually needed is the Bible itself. The City of David is produced by a non-political and nonreligious organization located in the heart of the Old City in Jerusalem. Guided tours, a 3D movie, and a panoramic outlook of the town invite you to visit the City of David. See you soon!
Company: INKOD HYPERA Ltd.
castigatorul la sectiunea e-cultura editia 2008 a "UN-sponsored World Summit Awards (WSA)"
site-ul este incantator, il am in sectiunea de web, il pun si aici
m-am delectat de multe ori deschizand-ul...chiar ma bucur ca a castigat...
celelate site-uri premiate sunt interesante, merita sa dai o tura...

O viaţă de luptă, o rază de lumină

Masă rotundă dedicată memoriei Marelui Rabin Alexandru Şafran Cu ocazia apariţiei volumului Dr. Alexandru Şafran. O viaţă de luptă, o rază de lumină, de Prof. Dr. Carol Iancu, va avea loc masa rotundă dedicată memoriei Marelui Rabin Alexandru Şafran, marţi, 29 iulie 2008, orele 19:00, la sediul Institutului Cultural Român din Tel Aviv, B-dul Shaul Hamelech nr.8, clădirea Beit Amot Mishpat, etaj 6. Vor lua cuvântul: Dr. Madeea Axinciuc, Director, I.C.R. Tel Aviv, Prof. Dr. Moshe Idel, Universitatea Ebraică din Ierusalim, laureat al Premiului Israel, Prof. Dr. Carol Iancu, Universitatea din Montpellier, Dr. Shlomo Leibovici-Laiş, Preşedinte, A.C.M.E.O.R., Dr. Meir Rosenne, Ambasador al Statului Israel în Franţa (1979 – 1983) şi în S.U.A. (1983 – 1987), iar din partea familiei, fiica Marelui Rabin, Prof. Dr. Esther Starobinski Şafran, Universitatea din Geneva şi fiul Marelui Rabin, Prof. Dr. Avinoam Şafran, Universitatea din Geneva. Evenimentul va avea loc în prezenţa E.S. Edward Iosiper, Ambasadorul României în Statul Israel.

stiri la cald

* Guvernul israelian a aprobat duminica nominalizarea unei femei, Gabriel Shalev, in functia de ambasador la ONU

* Un nou atac terorist cu buldozerul a avut loc marti în Ierusalimul de Est, după ce un palestinian a intrat cu vehiculul pe trotuar, cu intenţia de a călca trecătorii, anunţă AFP.
Atacatorul a reuşit să distrugă şi să răstoarne mai multe maşini, rănind cel puţin zece persoane, înainte de a fi împuşcat mortal de un poliţist de frontieră. Unul dintre răniţi, o femeie, se află în stare foarte gravă. Atentatul este similar celui produs pe 2 iulie, când un palestinian a ucis trei oameni, rănind alţi 45, după ce a trecut cu buldozerul peste mai multe maşini în centrul Ierusalimului.

* Obama s-a intalnit in cadrul unui turneu in strainatate care are scopul de a-i spori credibilitatea in materie de politica externa cu ministrul israelian al Apararii Ehud Barak, cu liderul opozitiei de dreapta Benjamin Netanyahu si cu presedintele Shimon Peres, cu ministrul de Externe Tzipi Livni si cu premierul Ehud Olmert.

miercuri, 23 iulie 2008

La Menorá de la Kneset: símbolo de la vida nacional

sa mai bem un paharel


1. Pahar pentru lichior
2. Pahar pentru cherry
3. Pahar pentru samapanie
4. Pahar pentru apa minerala
5. Pahar pentru bere
6. Pahar pentru vin rozaliu
7. Pahar pentru sampanie
8. Pahar pentru vin de Burgundia
9. Pahar pentru vin rosu de masa
10. Pahar pentru vin alb de masa
11. Pahar pentru Rheinwein (vin)
12. Pahar pentru vin (desert)
13. Pahar pentru coniac
14. Pahar pentru whiskey
15. Pahar pentru vodka
16. Pahar pentru apa plata sau suc
17. Pahar pentru sampanie
18. Pahar pentru lichior
19. Pahar pentru Martini
20. Pahar pentru cocktail
21. Pahar pentru Grog (bautura alcoolica din Coniac sau Rom)
22. Pahar pentru ceai sau punch
www.elle.ro

sâmbătă, 19 iulie 2008

galuste cu prune

3-4 cartofi medii
- prune (prune uscate, dar se pot folosi si proapete)
- o cana de faina
- o cana de pesmet (facut in casa e mai bun)
- o canita de zahar
- 2-3 linguri de ulei
- un ou
- 2-3 linguri gris
- scortisoara
Se fierb cartofii, apoi cand sunt gata se curata si se dau prin razatoarea mare, intr-un vas se amesteca cartofii rasi, oul, faina (nu e neaparat sa puneti toata cana, ci atat cat trage compozitia), grisul, scortisoara si 2-3 linguri de ulei (se lucreaza mai usor).
Compozitia obtinuta se intinde pe o suprafata plana si se taie in patratele.
Se pregatesc prunele, in cazul celor uscate se pune doar scortisoara peste ele, insa daca sunt prune proaspete, se scot samburii si in mijlocul lor se pune putin zahar si scortisoara.In fiecare patratel decupat, se pune cate o pruna, se impacheteza si se modeleaza ca o bila.Asta e partea cea mai grea pentru mine.
Intr-o oala 3/4 plina, se pune apa la fiert. Cand clocoteste apa, se pun gombotii la fiert si cand se ridica la suprafata inseamna ca sunt gata si se pot scoate.
Cat timp fierb gombotii, se pregateste pesmetul: intr-o tigaie se incing 2-3 linguri de ulei, apoi se adauga pesmetul si zaharul, se tin pe foc cca 5 minute, amestecand in continuu.Gombotii proaspat scosi de la fiert se tavalesc prin pesmet... si cam asta e.
Se pot servi cu smantana sau iaurt.

boule de neige

- 2 litri de lapte
- 5 oua
- 5 pliculete de zahar vanilat
- o cana de zahar tos
- esenta de vanilie (pt ca nu am gasit baton de vanilie, am folosit esenta la plic Dr. Oetker, Vanilie Bourbon pt ca e singura esenta obtinuta din miezul batonului de vanilie)
Punem laptele la fiert impreuna cu zaharul vanilat si esenta de vanilie. Intre timp, cat laptele da in clocot, separam ouale: albusurile le batem spuma cu jumatate din cantitatea de zahar (atentie, nu adaugati zaharul de la inceput pt ca nu mai creste spuma, aproape cand bezeaua este gata, se adauga zaharul si un praf de sare); galbenusurile se freaca cu cealalta jumatate din cantitatea de zahar tos.
Cand laptele fierbe, se adauga spuma de galbenusuri, amestecand in continuu pana la omogenizare si se mai lasa sa dea un clocot impreuna.
Punem o oala cu apa la fiert si cand da in clocot, cu ajutorul unei linguri luam bucatele de bezea si le scufundam in apa 10-15 secunde, dupa care le scoatem cu o spumiera si le asezam pe un platou separat.
Peste bulgarasii de bezea se toarna laptele cu vanilie si se da la rece.
Cam asta e, se serveste rece

joi, 17 iulie 2008

Touch of Kandinsky

Rosh Hanikra, Israel


16.07.
Rosh Hanikra, Israel - Lebanese militant Samir Kantar and four other prisoners crossed into a buffer zone between Lebanon and Israel on Wednesday, part of a dramatic prisoner swap that also involved the return of two dead Israeli soldiers to the Jewish state.
The Lebanese were driven in vehicles to the buffer zone and were to cross by foot into Lebanon proper. Army crews removed barricades at the border to let the cars in.
17.07.
Haaretz.com
At quiet ceremony in north, the tears finally flow
The coffins of Israeli reservists Eldad Regev and Ehud Goldwasser were delivered to an army base in the north yesterday, hours after being returned from Lebanon in a prisoner exchange with Hezbollah. The soldiers' families were waiting.
The swap took place two years and four days after their abduction from their army base near the border. Advertisement
The coffins, draped in Israeli flags, were driven the short distance from the Rosh Hanikra crossing on the Israel-Lebanon border to the Shraga army base. The two reservists were abducted by Hezbollah in a July 2006 cross-border raid that sparked the month-long Second Lebanon War.
At the base, the families were given time with the remains of their loved ones. The ceremony was quiet, intimate and short. Prime Minister Ehud Olmert, Defense Minister Ehud Barak and Israel Defense Forces Chief of Staff Gabi Ashkenazi, as well as his predecessor, Dan Halutz, embraced each of the family members. Halutz was chief of staff during the war. When Olmert embraced Eldad Regev's brother Ofer, both shed tears for several minutes.
Olmert, Barak, Ashkenazi and Halutz arrived at Shraga shortly before the coffins and the families. At about 7:30 P.M., each family was ushered into a tent containing the coffin of their loved one. Zvi, Eldad Regev's father, nearly collapsed from grief when he entered the tent. Olmert and Barak comforted the relatives and recited the Mourner's Kaddish as well as selected Psalms.

cimitire evreiesti


cimitire evreiesti...poze, marturii, aici,
aici,
aici,,

duminică, 13 iulie 2008

numeri


Stati ebraici: 1.
Democrazie ebraiche: 1.
Stati arabi: 19.
Democrazie arabe: nessuna.
Donne arabe uccise annualmente da padri e fratelli per motivi di "onore": migliaia.
Donne ebraiche uccise da padri e fratelli per motivi di onore: nessuna.
Numero di culti ebraici o cristiani permessi in Arabia Saudita: nessuno.
Numero di culti islamici permessi in Israele: illimitati.
Arabi a cui Israele permette di vivere in insediamenti arabi: 1.250.000.
Numero di ebrei a cui l'autorità palestinese permette di vivere in insediamenti ebraici: nessuno.
Sentenze dell'ONU che condannano un paese arabo per violazione dei diritti umani: nessuna.
Sentenze dell'ONU che condannano Israele per violazione dei diritti umani: 26.
Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell'ONU sul Medio Oriente dal 1948 al 1991: 148.
Numero di risoluzioni contro Israele: 97.
Numero di risoluzioni contro uno stato arabo: 4.
Numero di paesi arabi che sono stati membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite: 16.
Numero di volte in cui Israele è stato membro del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite: nessuna.
Numero di risoluzioni dell'Assemblea Generale dell'ONU che condannano Israele: 322.
Numero di risoluzioni dell'Assemblea Generale dell'ONU che condannano uno stato arabo: nessuna.
Percentuale di votazioni delle Nazioni Unite in cui i paesi arabi hanno votato insieme agli Stati Uniti nel 2002: 16.6%.
Percentuale di votazioni alle Nazioni Unite in cui gli israeliani hanno votato insieme agli Stati Uniti nel 2002: 92.6%.
Percentuale di accademici,studiosi del Medio Oriente, che difendono il Sionismo ed Israele: 1%.
Percentuale di studiosi del Medio Oriente che credono nella diversità e nella multiculturalità nei campus universitari: 100%.
http://www.uncuoreperisraele.net/

sâmbătă, 12 iulie 2008

talit



razboiul de sase zile, cronologie

grazie a http://basch84.spaces.live.com/ dove ho trovatto questi dati

Di seguito la cronologia degli avvenimenti della Guerra dei Sei Giorni attraverso i flash dell'agenzia ANSA, senza commenti personali. Tratti dal sito Cronologia.it.

5 GIUGNO 1967 - ore 08.36 - Tel Aviv - Un comunicato ufficiale ha annunciato che violenti combattimenti sono cominciati nel sud dello stato di Israele tra le forze israeliane ed egiziane in seguito a penetrazioni di carri armati egiziani in territorio israeliano con appoggio dell'aviazione. I combattimenti sono cominciati nelle prime ore della mattina.

ORE 08.59 - Il comunicato, letto da un portavoce militare, afferma che "un aspro combattimento è in corso sul fronte meridionale tra le forze aeree e corazzate egiziane, che si sono spinte verso Israele, e forze israeliane che sono entrate in azione per bloccare la loro avanzata".

ORE 09.06 - Radio Cairo ha annunciato che Israele ha attaccato la Repubblica araba unita (Rau). La radio ha aggiunto che le forze egiziane stanno resistendo al nemico. (09.06)

ORE 09.28 - Dalle nove di questa mattina si sentono al Cairo sorde esplosioni. L'allarme aereo è stato dato alle 8.30, ora italiana.
"Oltre che all'individuata scelta dell'ora del primo attacco, il folgorante successo dell'aviazione israeliana è da ascriversi alla superiore maestria dei piloti e del personale di terra, come pure un'organizzazione di primo piano. Se un osservatore si fosse trovato su un aeroporto israeliano, non avrebbe mai potuto immaginare che gli aerei che vedeva atterrare e dopo 7 minuti ripartire, erano gli stessi che avevano già compiuto una o più missione".

SCENDONO IN CAMPO GIORDANIA E SIRIA CONTRO ISRAELE
ORE 11.10 - Amman - Si impegnano anche Giordania e Siria. Radio Amman ha annunciato l'inizio dei combattimenti tra Israele ed Egitto ed ha aggiunto che l'intera nazione araba è ora unita. Re Hussein ha convocato una riunione d'emergenza.

ORE 11.15 - Damasco - È stato annunciato ufficialmente che la Siria è impegnata nella battaglia contro Israele. Aerei siriani, precisa l'annuncio, stanno bombardando città israeliane. (11.15)

ORE 12.10 - Gerusalemme - "Siamo stati attaccati" - "Siamo un piccolo paese, ma sappiamo combattere" ha dichiarato il ministro delle difesa Moshe Dayan nel suo ordine del giorno alle truppe; "l'attacco di sorpresa egiziano è un'aggressione contro di noi e noi risponderemo all'aggressione. Il nemico vuole distruggerci. Esso ha mobilitato tutte le sue forze, da Algeri al Kuwait. Soldati, voi siete la nostra speranza. La battaglia aerea e terrestre continua, il risultato finale non è noto, ma noi siamo sicuri di vincere. Non abbiamo conquiste territoriali da fare, ma vogliamo solo difendere la nostra sicurezza".

ORE 12.28 - Tel Aviv - Alle 11.40 i giordani hanno aperto il fuoco contro il settore israeliano di Gerusalemme. Le forze israeliane hanno risposto. La sparatoria continua.

ORE 13.48 - Tel Aviv - Tel Aviv - È stato annunciato che parecchi villaggi, kibbutz e importanti località come il centro balneare di Nathanya, a nord di Tel Aviv, sono stati bombardati questa mattina da aerei siriani e giordani. Due aerei Mig giordani sono stati abbattuti. Contemporaneamente, aviogetti giordani "Hunter" hanno attaccato le località di Kfar Yavetz, Mayaln e Far Sirkin, a nord di Tel Aviv.

ISRAELE SI GIUSTIFICA
ORE 16.53 - Tel Aviv - "Mai un paese ha fatto uso delle armi per un motivo più giusto e legittimo di quello che costringe Israele a combattere" ha dichiarato in una conferenza stampa il ministro degli esteri Abba Eban. Egli ha aggiunto che il Consiglio di sicurezza dell'Onu e le grandi potenze sono stati informati del fatto che Israele combatte per respingere l'aggressione egiziana, in base all'articolo 51 dello statuto dell'Onu. Il ministro ha aggiunto che le ostilità sono praticamente cominciate con il blocco di Elat e degli stretti di 'Eran nel golfo di Aqaba. Sono seguiti concentramenti "provocatori" di forze armate arabe ai confini di Israele, gli accordi di difesa tra alcuni stati arabi, il desiderio più volte proclamato dai dirigenti arabi di distruggere totalmente Israele e infine, questa mattina, il movimento di aerei e soldati verso il territorio israeliano con il bombardamento di villaggi situati vicino alla striscia di Gaza.
Alla domanda se gli egiziani avessero superato la frontiera, Eban ha risposto: "I loro proiettili in ogni caso l'hanno superata". Il ministro ha aggiunto che Giordania e Siria sono poi entrate nel conflitto senza provocazione da parte di Israele.

DOPO L'EGITTO, LA GIORDANIA, LA SIRIA, ENTRA IN GUERRA ANCHE L'IRAQ
L'ATTEGGIAMENTO DELL'ITALIA - GLI USA NEUTRALI
ORE 18.05 - Beirut - L'Iraq ha annunciato di considerarsi in stato di guerra con Israele ed ha avvertito che qualsiasi stato il quale aiuterà Israele sarà considerato come paese aggressore della repubblica irachena.

ORE 19.43 - Roma - Gli ambasciatori d'Italia a Washington, Londra, Mosca e Parigi hanno ricevuto istruzioni telegrafiche dal ministro degli esteri Fanfani di dare comunicazione di un passo compiuto oggi dall'Italia presso i membri del Consiglio di sicurezza dell'Onu, rispettivamente i governi americano, inglese, sovietico e francese, sottolineando la tesi italiana che tali governi, con l'autorità loro derivante di essere quattro membri permanenti del Consiglio di sicurezza, si devono adoperare affinché il Consiglio prenda le indilazionabili misure per conseguire il "cessate il fuoco" nel Medio Oriente.

ORE 19.45 - Dopo l'appello rivolto stamane dall'Italia ai governi di Israele e della Rau, per il tramite di nostri ambasciatori, il ministro degli esteri Fanfani ha dato incarico ai rappresentanti diplomatici italiani nelle capitali di tutti i paesi del Medio Oriente coinvolti nella crisi in corso di presentare un analogo amichevole appello anche ai governi di quei paesi.

ORE 20.03 - Washington - Il portavoce del dipartimento di stato, Robert McCloskey, ha affermato che l'atteggiamento degli Stati Uniti nei confronti del conflitto nel Medio Oriente è "neutrale nei pensieri, nelle parole e nelle opere". Egli ha aggiunto che "vengono sottoposti ad urgente esame" tutti i programmi militari e civili di aiuti americani ai paesi appartenenti a quella zona e coinvolti nel conflitto.

ORE 22.53 - Il portavoce ha aggiunto che gli Stati Uniti non sanno ancora chi ha sparato il primo colpo, e che la situazione rimane fluida e confusa. McCloskey ha reso poi noto che manifestazioni antiamericane si sono svolte in numerosi paesi arabi e in particolare a Tripoli e Bengasi in Libia, a Bassora in Iraq, a Damasco, Sanaa, Tunisi e Khartum.

ANCHE MOSCA CON GLI ARABI CONTRO ISRAELE
6 GIUGNO ore 01.10 - Mosca - Una dichiarazione ufficiale afferma che l'Unione Sovietica, in linea con la sua politica di aiuto ai popoli vittime di aggressioni e a quelli da poco liberatisi dall'oppressione colonialista, appoggia risolutamente i governi della Rau, Siria, Iraq, Algeria, Giordania e degli altri stati arabi ed esprime la propria fiducia nel successo della loro giusta lotta per l'indipendenza e per i loro diritti sovrani. Condannando l'aggressione israeliana, il governo sovietico chiede che il governo israeliano, come primo passo urgente, ponga fine al conflitto militare e ritiri le proprie truppe dietro la linea stabilita dalla tregua.

INTANTO PROSEGUONO I SUCCESSI ISRAELIANI
ORE 02.30 - Tel Aviv - Il capo di stato maggiore israeliano Yitzhak Rabin ha fatto questa notte la seguente dichiarazione: "Le forze israeliane sono entrate nella parte nord della penisola del Sinai. Una colonna ha occupato Rafah e El Arish ed avanza verso Abu Ageila. Un'altra colonna ha occupato Khan Yunis e Direl Balah e combatte alla periferia di Gaza. Nel settore centrale, le unità israeliane hanno occupato Hadj el Hafir e Teramul Bais e sono penetrate nelle difese di Uni Qatif. Nel settore sud sono penetrate nelle posizioni avanzate di El Kuntila. Le forze israeliane hanno catturato un gran numero di prigionieri e ingenti quantità di armi, compresi carri armati e cannoni. L'esercito egiziano ha subito forti perdite, mentre le perdite israeliane sono relativamente leggere. Sul fronte giordano le forze israeliane sono in procinto di accerchiare Jenin ed hanno occupato un certo numero di villaggi e posizioni giordane nella regione di Gerusalemme". "Le forze israeliane hanno inflitto un forte colpo alle forze aeree egiziane, siriane, giordane ed irachene - ha concluso il generale Rabin - ed hanno distrutto 374 aerei e probabilmente altri 35 circa. Le forze aeree israeliane hanno attualmente la superiorità in tutta la regione".

ORE 14.01 - Tel Aviv - Gli israeliani sono entrati nella città vecchia di Gerusalemme, in territorio giordano, e stanno procedendo ad operazioni di rastrellamento. ORE 14.06 - Il portavoce israeliano ha precisato che Gaza è caduta nelle mani israeliane alle 12.45, ora locale. Con la caduta di Gaza, la maggior parte delle cosiddette "forze palestinesi" di Ahmed Choukeyri sono state imbottigliate dagli israeliani.

ORE 15.55 - Gerusalemme - E' confermato che forze israeliane sono penetrate questa mattina nel settore giordano di Gerusalemme, appoggiate da mezzi corazzati. Le truppe di Israele sarebbero praticamente in possesso della cosiddetta "città vecchia". A quanto pare, gli israeliani avevano dapprima circondato questa zona, sperando di indurre la guarnigione giordana alla resa, ma i giordani hanno reagito, con la conseguenza che si sono avuti scontri nelle strade. Ora, reparti motorizzati israeliani si starebbero dirigendo in direzione sud, verso Betlemme (la cui caduta è imminente) e Hebron, ricordato dalla sacra scrittura come quello in cui ebbe i natali Abramo. La notizia dell'occupazione dei Luoghi Santi ha suscitato viva emozione in Israele; in particolare è stato appreso con commozione che tra le località occupate figura anche il celebre "muro del pianto", già parte del tempio di Salomone.

MOLTI PAESI ARABI ANCHE QUELLI NON IN GUERRA ROMPONO LE RELAZIONI DIPLOMATICHE CON ISRAELE, MA ANCHE CON GLI STATI UNITI
ORE 19.11 - Il Cairo - Radio Cairo ha annunciato che la Rau ha rotto le relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti.

ORE 19.51 - Damasco - Radio Damasco ha annunciato che la Siria ha rotto le relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti e con la Gran Bretagna.

ORE 22.41 - Algeri - Il governo algerino ha deciso la rottura delle relazioni diplomatiche con Washington. La notizia è stata data da Radio Algeri, che ha lanciato un appello alla Libia e all'Arabia Saudita affinché cessino di vendere petrolio agli Stati Uniti e alla Gran Bretagna.

INTERVIENE L'ONU PER IL CESSATE IL FUOCO
7 GIUGNO ore 01.33 - New York - Il presidente del Consiglio di sicurezza Hans Tabor ha presentato un progetto di risoluzione di due soli paragrafi. Il documento chiede l'immediata cessazione del fuoco nel Medio Oriente. Nel presentare la risoluzione, Tabor ha detto che essa è il risultato di negoziati e che ha l'appoggio unanime di tutto il Consiglio. Il progetto di risoluzione è stato immediatamente messo ai voti ed approvato all'unanimità.

ORE 02.50 Washington - In una dichiarazione trasmessa per televisione il presidente degli Stati Uniti, Johnson ha invitato Israele ed i paesi arabi ad attuare prontamente la risoluzione approvata dal Consiglio di sicurezza che chiede un'immediata cessazione del fuoco.
Il presidente ha detto: "Il voto del Consiglio di sicurezza apre una via di speranza che ci allontana dal pericolo nel Medio Oriente. Essa rispecchia la responsabile preoccupazione per la pace da parte di tutti coloro che hanno votato in favore. Gli Stati Uniti hanno appoggiato questa risoluzione. Noi speriamo che le parti direttamente interessate agiscano prontamente in conformità con essa".

ORE 10.11 - Tel Aviv - Un comunicato militare annuncia che colonne israeliane sono oggi avanzate velocemente attraverso il deserto del Sinai e si sono dirette a ventaglio verso il canale di Suez.

ORE 13.33 - Le colonne avanzano verso il canale di Suez in tre direzioni: a nord verso Al Qantara, al centro verso Ismailia e a sud verso Tawflk, vicina a Suez, all'estremità meridionale del canale. Per la prima volta è stata data notizia dell'impiego di paracadutisti israeliani dietro le linee egiziane nella zona di Uni Kateb. Reparti di paracadutisti sono entrati in azione per distruggere fortificazioni e postazioni di artiglierie egiziane.

ORE 13.55 - Città del Vaticano - Messaggio di Paolo VI. "Presumendo di mettere ordine e giustizia tra gli uomini, ecco una nuova guerra! Avremmo creduto di non mai più vedere una simile tragedia nella storia presente e futura dei popoli, dopo le terrificanti (e, a giudizio dei saggi, inutili ed assurde) esperienze che, sempre più gravemente, già ben due volte in questo secolo gli uomini hanno inflitto a se stessi. La nostra generazione doveva ben sapere che cosa è la guerra, e che cosa può essere la guerra moderna; ed ecco che pare dimenticata la sua terribile realtà, se ancora si ripone fiducia nella sua cieca e micidiale violenza.
Si sospendano i bombardamenti, e si riprenda il dibattito delle parole eque e ragionevoli!"

ORE 16.40 - Tel Aviv - Un comunicato ufficiale annuncia che le forze israeliane hanno occupato la postazione fortificata di Sharm el Sheikh, che domina gli Stretti di Tiran. (16.40)

ORE 18.21 - Giordania ed Egitto accettano entrambe la proposta del cessate il fuoco.

ORE 18.21 New York - È stato confermato che la Giordania ha accettato di aderire all'appello dell'Onu per il cessate il fuoco. (18.21)

ORE 19.18 Secondo voci incontrollabili, la Rau (Egitto) avrebbe accettato l'appello del Consiglio di sicurezza per la cessazione delle ostilità.

DURA REAZIONE RUSSA
ORE 19.38 - Mosca - L'Unione Sovietica minaccia la rottura delle relazioni diplomatiche con Tel Aviv se Israele non sospende le ostilità: lo afferma una dichiarazione del governo sovietico diffusa questa sera dalla Tass. Il documento sovietico, indirizzato al governo israeliano, afferma: "Il governo israeliano non tiene conto della "RISOLUZIONE DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA" e continua la guerra contro gli stati arabi. Ciò costituisce una prova supplementare dell'essenza aggressiva della politica di Tel Aviv, la quale spregia i principi fondamentali che governano le relazioni internazionali e non rispetta i principi e gli scopi della Carta delle Nazioni Unite". La dichiarazione quindi afferma: "Se il governo di Tel Aviv non darà immediatamente corso all'appello comune di vari stati per l'immediata cessazione del fuoco, l'Urss rivedrà il proprio atteggiamento verso Israele ed adotterà una decisione sull'ulteriore mantenimento delle relazioni diplomatiche con Tel Aviv, in quanto Israele con le proprie azioni si pone contro gli stati amanti della pace".

ORE 19.39 - Tel Aviv - Gli israeliani annunciano di aver conquistato una vasta parte della Giordania, comprendente anche la città di Gerico, sulla riva del Giordano. L'annuncio precisa che la maggior parte dell'esercito giordano è stata fatta prigioniera, oltre ad una brigata irachena.

ORE 22.57 - Tel Aviv - Rabin ha dichiarato questa sera che le forze israeliane hanno occupato anche Betlemme. Secondo fonti militari, reparti israeliani hanno raggiunto il canale di Suez, ma Rabin si è limitato a dichiarare che reparti israeliani si trovano ad una trentina di chilometri dal canale. Dal canto suo, il capo dell'aviazione Mordechai Hod ha detto che finora sono stati distrutti 441 aerei "nemici" e precisamente: 410 il primo giorno, 17 il secondo e 14 il terzo. Il generale ha detto che nella prima giornata di combattimento, l'aviazione israeliana ha attaccato 25 aeroporti. Durante il primo attacco sono stati distrutti 350 aerei in Egitto. Hod ha concluso: "Posso dire che i nostri piloti sono i migliori del mondo".

8 GIUGNO ore 13.49 - Amman - Re Hussein ha espresso "il proprio dolore per l'atteggiamento di certe nazioni amiche" che hanno abbandonato la Giordania. "Le nostre truppe arabe - ha detto - hanno combattuto coraggiosamente, con decisione e morale altissimo. Gli sforzi della Giordania per difendere il proprio suolo sono degni d'orgoglio. Le nostre forze sono state soggette a tremende incursioni aeree su ogni unità e formazione, giorno e notte, senza interruzione, fino a ieri sera".
Re Hussein, che indossava l'uniforme ed è apparso affaticato, ha attribuito alla superiorità aerea israeliana la conquista del suo paese ed ha precisato che le perdite subite dalle forze armate giordane sono state "tremende" ed ha così proseguito: " È inutile dire che noi siamo delusi perché questo paese, che noi pensavamo godesse delle simpatie di molti cuori, è stato lasciato pressoché solo dal mondo, dai nostri amici in tutto il mondo, da coloro che appoggiano la giustizia ed il diritto".

9 GIUGNO ore 04.07 - Beirut- Radio Damasco ha annunciato questa notte che la Siria ha accettato la cessazione del fuoco. Dopo aver ricordato che la Rau aveva accettato l'appello per la cessazione del fuoco, lo speaker ha aggiunto: "In vista del'attuale situazione, la repubblica di Siria ha informato il segretario generale U Thant di aver deciso di accettare l'appello del Consiglio di sicurezza per una cessazione del fuoco, purché l'altra parte faccia altrettanto".

SULLA GUERRA LAMPO ISRAELIANA
ORE 07.50 - Washington - I circoli del Pentagono ritengono che la vittoria-lampo delle forze israeliane nella guerra del Medio Oriente abbia fatto storia militare, e studiano gli elementi disponibili per analizzarne cause e fattori. In linea di massima si ritiene che, a parte i fattori psicologici ed umani del formidabile urto degli israeliani, la causa principale dei rapidi successi sia nella distruzione, nelle prime ore del conflitto, delle aviazioni arabe, e successivamente nella grande manovrabilità e flessibilità tattica delle forze terrestri.
Gli storni degli aerei israeliani, secondo quanto viene riferito in ambienti del Pentagono, sono venuti dal mare, penetrando attraverso brecce radar, giungendo così all'improvviso sopra le basi arabe, dove gli aerei sono stati colpiti a terra. Qualsiasi rete radar, salvo quelle fittissime delle grandi potenze, presenta squarci, ed è possibile che gli israeliani li avessero identificati come corrispondenti ai corridoi di provenienza marittima. Altro elemento del successo israeliano sarebbe stato quello di attaccare poco prima dell'alba. I piloti da caccia egiziani si trovano infatti in difficoltà nei duelli aerei di notte e nella semioscurità".

ORE 8.33 - Tel Aviv - Il generale Gavish, comandante del fronte sud israeliano - ha comunicato la radio israeliana - ha inviato al generale Rabin, capo di stato maggiore, un messaggio in cui dice: "Sono felice di comunicarvi che le nostre forze si trovano sulla riva del canale di Suez e su quella del Mar Rosso. La penisola del Sinai è nelle nostre mani. Saluto voi e tutte le forze di difesa d'Israele".

ORE 11.30 - Beirut - Il Comando supremo egiziano ha annunciato che le forze egiziane si sono ritirate sulla parte occidentale del canale di Suez.

ORE 12.49 - Tel Aviv - Le forze israeliane - ha annunciato un portavoce militare - stanno attaccando da stamani le posizioni siriane lungo tutta la frontiera. Durante tutta la notte e nella mattinata l'artiglieria siriana ha bombardato violentemente i villaggi di frontiera israeliani, dal nord al sud del lago di Tiberiade, e di conseguenza le forze israeliane hanno sferrato un attacco contro le forze siriane da cui partono i tiri.

ORE 14.57 - Beirut - Radio Damasco ha annunciato che il governo siriano ha chiesto al segretario generale dell'Onu, U Thant, di convocare immediatamente una riunione del Consiglio di sicurezza per discutere il nuovo attacco sferrato dagli israeliani.

ORE 19.05 - Il Cairo - Nasser ha annunciato le proprie dimissioni nel corso di una conferenza stampa questa sera al Cairo. Nel suo discorso Nasser ha riaffermato che "senza alcun dubbio" gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno aiutato Israele ed hanno fornito aerei da caccia durante il conflitto nel Medio Oriente. "È stato dimostrato - ha detto - che portaerei inglesi e americane si trovavano nei pressi delle coste nemiche per aiutare Israele". Nasser ha affermato anche che "i dirigenti sovietici avevano avvertito la delegazione parlamentare siriana che si era recata a Mosca il mese scorso dei preparativi israeliani in vista di un attacco contro la Siria".

ORE 19.55 - New York - Il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha approvato, all'unanimità, una risoluzione la quale, confermando i precedenti impegni relativi alla tregua, esige l'arresto immediato delle ostilità tra Siria e Israele; essa poi chiede al segretario generale di prendere subito contatto con le due parti interessate per ottenere l'applicazione immediata di quanto deciso e lo invita a riferire entro due ore al Consiglio.
La risoluzione n. 242 è indirizzata a Israele, e contempla il ritiro dei territori occupati durante la guerra.

ORE 20.45 - Damasco - La Siria ha annunciato questa sera di aver accettato il nuovo appello del Consiglio di sicurezza per una cessazione del fuoco.

ORE 21.19 - Dopo la Siria anche Israele ha accettato il nuovo appello del Consiglio di sicurezza per la cessazione del fuoco. ORE 21.20 - New York - Il delegato siriano Georges Temeh ha comunicato al Consiglio di sicurezza che le truppe israeliane sono alle porte di Damasco.

ORE 22.35 - Il Cairo - Radio Cairo ha diffuso alle 22.15 una dichiarazione del presidente Nasser nella quale annuncia che in seguito alle manifestazioni di simpatia di cui è oggetto, si recherà domani all'Assemblea nazionale per discutere sulla sua decisione di dare le dimissioni.

10 GIUGNO ore 11.30 - Il Cairo - Nasser ha ritirato le dimissioni da presidente della Rau.
Lo speaker di Radio Cairo ha detto che la sede della radio è stata sommersa da telegrammi e telefonate di associazioni e organizzazioni della Rau e del mondo arabo che pregavano il presidente Nasser di ritornare sulla sua decisione di ritirare le dimissioni.

ORE 14.10 - Mosca - L'agenzia Tass informa che il governo sovietico ha deciso di rompere i rapporti diplomatici con Israele.

ORE 14.56 - Una nota in questo senso, consegnata al governo israeliano, sostiene che le truppe d'Israele agiscono ignorando le risoluzioni del Consiglio di sicurezza per la tregua e che esse stanno ora avanzando in territorio siriano verso Damasco. Il governo sovietico afferma quindi che, alla luce della persistente aggressione israeliana contro gli stati arabi e della grossolana violazione delle decisioni prese dal Consiglio di sicurezza, ha deciso la rottura dei rapporti diplomatici con lo stato di Israele.

ORE 20.53 - New York - Alle Nazioni Unite si annuncia che la Siria e Israele hanno attuato la cessazione del fuoco.

7 LUGLIO ore 07.59 - Il ministro israeliano per le questioni religiose, Zerag Warhaftig, ha dichiarato in un'intervista che Israele intende "garantire la sicurezza dei Luoghi Santi ed il libero accesso a questi ultimi per tutti i fedeli delle religioni che considerano santi questi luoghi, senza tener conto del fatto che questi fedeli siano o meno residenti in Israele". Egli ha tuttavia ribadito che l'annessione della città vecchia di Gerusalemme è irrevocabile.

Chazak Ameinu - We stand as one

digiuni nel ebraismo

Tutti i digiuni se capitano di Shabbat vengono anticipati o spostati. Il Kippur ovviamente fa eccezione, appartenendo alle feste comandate dalla Torah (Mideoraita).


Zom Ghedalià
Il digiuno di Ghedalià viene il 3 del mese di Tishrì e ricorda l'uccisione di Ghedalià, governatore di Gerusalemme, per mano dei babilonesi. La sua morte significò per gli ebrei perdere quel poco di autonomia che Nabucodonosor aveva loro concesso dopo aver distrutto il primo Bet Hamikdash.


Asarà Be-Tevet
Asarà Be-Tevèt (10 di Tevet) ricorda l'inizio dell'assedio posto dai babilonesi e dai romani a Gerusalemme. La tradizione vuole che sia la prima invasione (babilonese nel 586 a.C.) che la seconda (romana nel 70 d.C.) sia avvenuta nello stesso periodo dell'anno.


Taanìt Ester
Il digiuno di Ester cade il 13 del mese di Adar e ricorda il digiuno che fece Ester in seguito all'editto di Hamman (di cui parlerò in modo più approfondito nel topic riguardante la festa di Purim).


Shivà Asàr Be-Tamuz
Shivà Asàr Be-Tamùz (17 di Tamuz) ricorda l'entrata dei babilonesi e dei romani a Gerusalemme.

Tra Shivà Asar Be-Tamuz al successivo digiuno, Tishà Beàv (10 di Av) intercorrono tre settimane che si chiamano Ben Hammezarìm (tra le distrette) e vanno vissute in lutto: in questo periodo non si indossano vestiti nuovi, non si assaggiano cibi nuovi, non si celebrano matrimoni e non si fanno feste. Nei tre Shabbatòt che cadono in questo periodo si usa leggere come Haftarà dei capitoli in cui il popolo ebraico viene ammonito per le sue colpe e avvertito delle conseguenze di queste.

I segni di lutto sono ancora più sentiti a partire da Rosh Chodesh Av e soprattutto nella settimana di Tishà Beav: in questi giorni si usa astenersi dal mangiare carne, bere vino, tagliare i capelli e la barba. In ricordo dell'incendio che i romani appiccarono al Bet Hamikdash, che durò fino a mezzogiorno del 10 di Av non si mangia carne nemmeno la sera in cui termina il digiuno e il giorno dopo fino a mezzogiorno.


Tishà Beav
Questo digiuno, che cade, come già detto, il 9 del mese di Av, è il più rigoroso perché ricorda l'avvenimento più nefasto della storia del popolo ebraico: la distruzione del Bet Hamikdash, avvenuta in questo giorno nel 586 a.C. per mano dei babilonesi e nel 70 d.C. per mano dei romani. Inizia la sera precedente al tramonto e termina la sera del 9 di Av (gli altri digiuni invece durano dall'alba al tramonto).

In questo giorno si celebrano gli stessi atti penitenziali di Kippur, anche se si può accendere la luce, prendere l'auto, lavorare (tranne la mattina), ecc. Non si indossano il Talled e i Tefillin la mattina (il pomeriggio invece è permesso).

Nel pomeriggio che precede Tishà Beav si usa fare un pasto abbondante chiamato Seudà Mafsè, in cui si mangia, al termine, un uovo sodo (segno di lutto).

La mattina del 9 di Av si legge nella Torah un passo in cui viene preannunciato l'esilio del popolo ebraico e la Meghillà di Echà (Lamentazioni). Quest'ultima si legge anche la sera.

Tutti gli adulti sono obbligati a digiunare: solo i malati o coloro a cui non mangiare può provocare problemi di salute ne sono esentati.

Indossare i tefillin

joi, 10 iulie 2008

Grupul parlamentar de prietenie cu Statul ISRAEL


www.parlament.ro

daca nu am ce face si ma mananca in talpa... am intrat pe site-ul parlamentului...ce-am descoperit? grupurile de prietenie...
unul foarte ciudat este cel de mai jos:
Grupul parlamentar de prietenie cu Statul ISRAEL
http://www.knesset.gov.il

cel mai mult imi place de prietena leonida lari si de prietenul nini sapunaru... dar si de prietenul hrebe, de nenea ghise... si cam atat... e un grup cam mare si nu prea pricep la ce serveste...probabil ca se imprietenesc intre ei...
cinci mandate în Parlament, sute de poezii, numeroase vizite în al nouălea cer şi întâlniri frecvente cu diverşi îngeri sau arhei...este ea, Leonida Lari, cea care a văzut cum se nasc sufletele în spaţiile din jurul pământului.
aleasa poporului, dar mai ales a Divinităţii, susţine că în absolut toate pisicile există extratereştrii...da bine cu prietenii din partidul ultra-religios, aceia care aduc ploaia...cu siguranta ca dorm ca si romanii in plen ca altfel o picatura tot ar mai pica...
chiar , cand a plouat ultima oara in israel?... anul trecutdar cand...


Preşedinte Vlase Petru Gabriel - deputat, PSD
Vicepreşedinte - senator, PNL
Secretar Bogdan Pascu - deputat, PC
Membri - senator, PSD
Nicolae Şerban - senator, PSD
Hrebenciuc Viorel - deputat, PSD
- deputat, PSD
Niţulescu Teodor - deputat, PSD
- deputat, PSD
Prodan Tiberiu Aurelian - senator, PNL
Ghişe Ioan - deputat, PNL
Săpunaru Nini - deputat, PNL
Uioreanu Horea Dan - deputat, PNL
Drăguş Radu-Cătălin - deputat, PD-L
Rădulescu Cristian - deputat, PD-L
Găucan Constantin - senator, PRM
Jipa Florina - deputat, PRM
Eckstein Kovács Péter - senator, UDMR
Vainer Aurel - deputat, Minorităţi
Lari Iorga Leonida - deputat, independent

apa de la robinet?


apa de la robinet, da...dar daca ati stii ce curge pe robinetul meu...daca lasi apa intr-un pasar cateva ore deja face viermi... i-am vazut eu cu ochii mei...
in romania foloseam un filtru, dar aici cred ca un filtru nu este suficient...

PET. Adica Poli-Etilen-Tereftalat. Molecule bine ordonate intr-un material rezistent. Ambalajele din plastic nu sunt biodegradabile. Movile imense. Peisaj citadin. Resturi menajere, noi (proaspete ca pluralul persoanei intaia), gunoiul. Dupa ardere, nu ramane decat fumul. Devine si el o emanatie toxica.
Apa, in varianta imbuteliata, poate avea un efect negativ asupra mediului, prin poluarea pe care o produc peturile.

„Chiar si cele mai simple obiecte, cum ar fi sticlele de apa, traverseaza acum globul, ceea ce inseamna ca setea pentru cateva inghitituri de produs poate genera nu numai sticle de plastic, ci si o cantitate mare de resturi de ambalaje – de la folia care le infasoara pana la captuseala cutiilor si lazile in care sunt expediate.”(National Geographic)

Astfel, in fiecare an, europenii arunca o cantitate de sticle de plastic echivalenta cu marimea Turnului Eiffel. Aceasta concluzie apartine studiului Canadean Limited, initiat de compania suedeza de electrocasnice Electrolux si se bazeaza pe faptul ca din 50 miliarde litri apa minerala consumata in Europa in fiecare an, 84 % este vanduta in sticle de plastic.

„Cererea pentru apa imbuteliata este foarte costisitoare pentru mediu, atat pentru producerea sticlelor cat si pentru transportul si aruncarea lor”, a declarat Anna Forslund – World Wide Fund for Nature (WWF);

„Incurajam oamenii sa bea apa de la robinet, daca este curata. Sa cumpere apa imbuteliata este daunator pentru mediu inconjurator.” – Pasquale Steduto, Presedinte Natiunile Unite - UN Water;

• PETUL a fost inventat in 1941. Desi initial destinat industriei de fibre textile, el a fost folosit si la producerea de sticle pentru bauturi incepand cu anii 70;
• In ciuda cresterii explozive a folosirii plasticului - in special pentru recipientele destinate bauturilor – aceasta industrie nu s-a grabit sa-si dezvolte o infrastructura de reciclare, iar cele mai multe mase plastice inca ajung in incineratoare sau in gropile de gunoi. (National Geographic);
• PET-urile nu sunt biodegradabile, ele putând sta în natură minim 300 de ani fara a-si schimba compozitia, iar aceasta duce la cresterea constanta a gropilor de gunoi;
• Un PET disloca un kilogram de gunoi menajer. 20 de PET-uri pot umple jumatate dintr-un container de gunoi;
• Cu doar 11 % din populatia pamantului, Europa inregistreaza o treime din consumul global de apa imbuteliata, aproximativ 50 miliarde litri pe an, cu o medie de 70 litri pe persoana in fiecare an;
• Consumul european de peturi este estimat la 900.000 de tone anual in 2007;
• Gunoiul menajer produs de Romania o claseaza pe locul sapte in topul statelor europene, considerate "pubelele" UE, arata un studiu publicat recent de Asociatia administratiilor locale din Regatul Unit (LGA). Primul loc in clasament este detinut de Marea Britanie, care a produs peste 22,6 milioane de tone de gunoi menajer. De pe strazile Brasovului, anul trecut, s-au strans aproximativ 26.662 tone de gunoi stradal si aproximativ 66.514 tone de gunoi menajer;
• Se estimeaza ca intr-un singur oras, de exemplu in Arad, se arunca lunar 50 tone de pet-uri;
• In prezent, numai 1,3 milioane de romani au acces la un sistem de colectare selectiva, in 21 de localitati. 331.000 tone reprezinta cantitatea anuala de deseuri de plastic din Romania. In 2007 trebuie reciclata 10% din aceasta cantitate, iar in 2013, 22,5%;
• Deoarece PET-urile reciclate nu pot fi folosite tot in industria alimentară, ele sunt transformate in fibre textile. Astfel, din 5 PET-uri reciclate se poate confectiona un tricou. Din 36 de PET-uri se poate face un covor. O tona de plastic reciclat inseamna o economie de 1,8 tone de petrol.


sursa: electrolux.ro

Pornind de la ideea că sticlele de plastic constituie un puternic factor poluator, locuitorii din Big Apple (cum este supranumit oraşul New York) recurg, din ce în ce mai mult, la banala apă de robinet, urmând "directiva" dată de primul edil al oraşului, Michael Bloomberg: "Uitaţi de apa minerală şi beţi apa care izvorăşte direct din casa voastră!".

A real Mai Tai is (to quote the inventor)


The rum which motivated the creation of the Mai Tai was a fine, golden, medium-bodied Jamaican from Kingston. Trader Vic added fresh lime juice, flavored and sweetened it with Orange Curacao from Holland and French Orgeat with its subtle flavor of almond. The drink chilled nicely with a considerable amount of shaved ice so a large 15-ounce glass was selected to compliment the cooling and generous quality of the Mai Tai.

The success of the Mai Tai and its acceptance soon caused the 17-year-old rum to become unavailable, so it was substituted with the same fine rum with 15 years aging which maintained the outstanding quality.



THE ORIGINAL FORMULA
2 ounces 17-year-old J. Wray Nephew Jamaican rum
1/2 ounce French Garnier Orgeat
1/2 ounce Holland DeKuyper Orange Curacao
1/4 ounce Rock Candy Syrup
juice from one fresh lime

Hand shake and garnish with half of the lime shell inside the drink and float a sprig of fresh mint at the edge of the glass.

Mojito



Ingredienti necessariAcqua - gassata (o soda) a piacere Angostura - 1 spruzzo Ghiaccio - tritato o a cubetti q.b.
Lime - 1/5 di succo Menta - fresca 7-8 foglie Rum - chiaro cubano 50 ml
Zucchero - di canna 2-3 cucchiaini

Presentazione

Il Mojito è un famoso cocktail (long drink) alcolico di origine cubana, a base di rum bianco e profumato con foglie di menta pestate assieme a zucchero di canna, e succo di lime, ingredienti ai quali vanno aggiunti dell’angostura, ghiaccio e soda.
Pare che il nome Mojito derivi dal termine voodoo "Mojo" (incantesimo) e voglia significare quindi piccolo incantesimo.

Preparazione


In un bicchiere da long drink (tumbler alto) ponete le foglie di menta e lo zucchero di canna; servendovi di un pestello schiacciatele contro il lato del bicchiere così da sprigionare l’aroma della menta. Aggiungete il succo di lime e pestate ancora per qualche secondo, poi riempite il bicchiere di ghiaccio (a cubetti o tritato), aggiungete il rum, l’angostura e in ultimo uno spruzzo di soda; mescolate in modo circolare e servite decorando con un rametto di menta.

Consiglio

Non spremete o schiacciate la buccia del lime dentro al Mojito poiché quest’ultimo risulterebbe amaro, ed usate solo foglie di menta freschissime.
Esiste una variante per la preparazione del Mojito che consiste nell’adoperare insieme due tipi di rum differenti: uno bianco più giovane e uno ambrato più invecchiato.

Curiosita'

L’invenzione del Mojito è dovuta al barman cubano Angelo Martínez, gestore della storico locale, situato a l’Avana, "La Bodeguita del Medio".
Il famoso locale era frequentato dallo scrittore Ernest Hemingway, che era un grande estimatore del Mojito, e che soleva consumarlo solo qui, poichè secondo lui, era preparato ad arte.

Besciamella

Ingredienti necessari
Burro - 100 g Farina - 100 g Latte - 1 litro
Noce moscata - un pizzico Sale - un pizzico

Presentazione

La besciamella, o per chiamarla con suo nome originale "la sauce à la Bèchameil", caposaldo e regina delle salse bianche, è una salsa originaria della Francia ma viene utilizzata moltissimo anche in Italia, col nome appunto di besciamella, e in Inghilterra, dove è conosciuta col nome si "salsa bianca".
L'inventore di questa versatilissima salsa fu il marchese di Nointel, Louis de Bechamel, che per primo nel XVII la propose nelle sue ricette.
Il nome "besciamella", però, le fu assegnato solo dopo da Francois Pierre de la Varenne, cuoco del Re Luigi XIV, che la inserì nel suo libro di ricette " Le Cuisinier François" dandole questo nome per onorare il suo inventore.
Oggi, molto autorevoli chef sono d'accordo su una probabile origine Italiana della Besciamella: deriverebbe dalla toscana salsa colla e sarebbe stata esportata in Francia da Caterina de' Medici.

Preparazione

Mettete in un pentolino il burro, fatelo sciogliere e aggiungete la farina setacciata facendo cuocere il tutto per qualche minuto, mescolando continuamente ed evitando di farle prendere colore o farla attaccare.
Avrete così ottenuto quello che i francesi chiamano roux; a questo punto togliete il pentolino dal fuoco e aggiungete al roux il latte caldo mescolando il tutto con un cucchiaio di legno.
Rimettete quindi il pentolino sul fuoco, fate cuocere a fiamma bassa finchè la salsa comincerà a bollire e aggiungete un pizzico di sale e un pizzico di noce moscata.
Coprite il pentolino con un coperchio e fate cuocere la besciamella, sempre a fuoco basso, per 15 minuti, il tempo necessario per far addensare la salsa, mescolando di tanto in tanto.

Consiglio

Vi consiglio di non mischiare il burro e la farina sul fuoco: la farina, infatti, cuocendo troppo in fretta non si amalgama bene al burro e forma dei fastidiosi grumi difficili da sciogliere anche con l'aggiunta del latte.
E' molto meglio togliere un istante il pentolino dal fuoco, amalgamare i due ingredienti e rimetterlo solo dopo sul fuoco.
Volendo potete anche personalizzare la vostra besciamella a seconda del menù: aggiungete del brodo vegetale per accompagnare le verdure, delle erbe aromatiche per la carne e il pesce.
Sempre in base all'utilizzo che ne dovete fare potete decidere se volete la vostra besciamella più o meno consistente: per renderla più consistente basta aggiungere al composto della farina, se la volete più liquida basterà aggiungere del latte.
La besciamella, oltre ad essere utilissima in piatti complessi come lasagne, cannelloni e molti altri, è ottima per guarnire i famosissimi "vol-au-vent" o per insaporire piatti al forno di carne, verdure lessate, pesce, soufflè, insomma...sbizzarritevi!!

Curiosità

Sembra che il roux, il composto di farina e burro indispensabile per preparare la besciamella, fosse già conosciuto almeno un secolo prima dell'invenzione della besciamella: Sabina Welserin , nel 1553, lo inserisce nel suo ricettario di cucina come salsa per condire carni e pesce.

salsa verde



http://www.giallozafferano.it/
Ingredienti necessariAcciughe (alici) - tre filetti aceto - 50 gr Aglio - 2 spicchi
Capperi - 1 cucchiaio Olio - extravergine di oliva 100 gr Pane - mollica 50 gr
Pepe - q.b. Prezzemolo - 120 gr Uova di gallina - 2 tuorli sodi
Zucchero - un pizzico

PresentazioneLa salsa verde o “Bagnet Vert”, è una preparazione tipica del Piemonte, e viene largamente usata in tutta Italia perché semplice e gustosa. E’ adatta per accompagnare tutti i lessi e in special modo la lingua di vitello, ma da sempre, accompagna un piatto tradizionale: il bollito alla Piemontese.

Preparazione

Pulite accuratamente il prezzemolo, togliendo i gambi grossi e tenendo solo le foglie migliori, quindi lavatelo, asciugatelo e tritatelo molto finemente con la mezzaluna. Tritate anche le acciughe (preventivamente diliscate e lavate se sotto sale), l’aglio, e i capperi (se sono sott’aceto prima di tritarli strizzateli, se sono sotto sale lavateli bene per togliere il sale in eccesso).
Bagnate la mollica di pane con l’aceto, strizzatela bene e passatela al setaccio.
Unite tutti gli ingredienti e amalgamateli molto bene con l’olio, quindi aggiungete il sale e il pepe a seconda dei vostri gusti. A questo punto potete unire, se volete i tuorli d’uovo sodi anch’essi passati al setaccio.
Gli albumi sodi rimanenti, se vengono tagliati in due, si possono presentare in tavola riempiti con la salsa preparata.

Consiglio
La salsa verde, deve risultare abbastanza liquida e deve riposare per almeno 24 ore prima di essere consumata; se non la consumate subito potete conservarla in frigorifero in vasetti di vetro a chiusura ermetica con sopra un filo di olio d’oliva.

Curiosità
Ci sono diverse varianti nel modo di preparare la salsa verde, a seconda delle città o delle regioni: certi non mettono lo zucchero ed aggiungono 2 cucchiai di passata di pomodoro, altri ancora come a Vercelli, al posto del pepe, utilizzano del peperoncino piccante e agiungono più aglio alla salsa.

dorohoi...

Pe 2 iulie 2008 a avut loc comemorarea anuala a Holocaustului dorohoian. S-au întâlnit în număr de câteva sute de persoane în munţii Ierusalimului lângă aşezarea numită Shoresh, în pădurea dedicată victimelor Holocaustului din Dorohoi şi împrejurimi. Această padure împreună cu monumentul cu şase braţe a fost ridicată de puţinii supravieţuitori dorohoieni care s-au stabilit în Israel.


Raportul final asupra Holocaustului si raportul final asupra dictaturii comuniste in Romania (RUXANDRA CESEREANU) preluat din Revista 22

Pentru prima data, in Romania, a avut loc o dezbatere stiintifica publica pe marginea a doua dintre temele traumatice ale secolului XX: Gulagul si Holocaustul, analizate intr-o perspectiva comparata, cu aplicatie pe cazul romanesc. Dezbaterea a avut loc sub auspiciile unui simpozion intitulat Gulag si Holocaust in constiinta romaneasca, in perioada 25-26 mai 2007, organizat de Centrul de Cercetare a Imaginarului din Cluj, functionand in cadrul Facultatii de Litere a Universitatii "Babes-Bolyai". Dintre participantii la simpozion, ii amintim pe Marius Oprea, Dorin Dobrincu, Adrian Cioflanca, Doina Jela, Michael Shafir, Marta Petreu, Mihai Dinu Gheorghiu, Andrei Cornea, Ion Vianu, Caius Dobrescu, Doru Radosav, Stefan Borbély, Ovidiu Pecican, Lidia Bradley, Maria Bucur, Octavian Roske, Cristina Anisescu, Doru Pop si multi altii. Centrul de Cercetare a Imaginarului a avut ca parteneri in organizarea simpozionului urmatoarele institutii: Institutul de Investigare a Crimelor Comunismului din Romania, Institutul Cultural Roman, Fundatia Aspera si Uniunea Scriitorilor din Romania (filiala Cluj).
La 22 octombrie 2003, la initiativa presedintelui Romaniei din acea perioada, Ion Iliescu, a fost constituita o Comisie Internationala pentru Studierea Holocaustului in Romania (sub presedintia laureatului Premiului Nobel pentru pace, Elie Wiesel, scriitor american de origine romana)¹. In primavara anului 2006, la initiativa presedintelui Romaniei, Traian Basescu, a fost constituita o Comisie Prezidentiala pentru Analiza Dictaturii Comuniste din Romania (CPADCR, sub presedintia politologului american de origine romana, Vladimir Tismaneanu)². Scopul concret al constituirii ambelor Comisii a fost realizarea cate unui raport final legat de cele doua forme ale totalitarismului (extrema dreapta si extrema stanga) care au functionat in Romania, intre 1940-1944, respectiv 1945-1989. Ambele Comisii au avut un fundament legal si etic si au raspuns unor asteptari si dileme ale romanilor legate de istoria lor recenta. In cazul Raportului Final legat de analiza dictaturii comuniste (care trebuia sa marcheze sfarsitul unei epoci, la 1 ianuarie 2007 urmand ca Romania sa fie acceptata in Uniunea Europeana), a mai existat un scop manifest: masivul document ar fi putut sa ii ofere presedintelui Traian Basescu o baza stiintifica pentru condamnarea oficiala a comunismului in Romania, ca ilegitim si criminal. Acest lucru s-a si intamplat la 18 decembrie 2006. Condamnand regimul comunist drept ilegitim si criminal, Traian Basescu a facut un gest similar celui al lui Jacques Chirac, primul presedinte care a condamnat in numele statului francez regimul de la Vichy, ca parte a experientei istorice a acestui stat (aceasta comparatie la nivelul gesturilor etice a doi presedinti ii apartine lui Vladimir Tismaneanu).
Premisa ambelor rapoarte a fost cercetarea si stabilirea adevarului privind cele doua tragedii, ale Holocaustului si Gulagului, cu toate implicatiile politice, sociale, psihologice, istorice, umane ale acestora. De asemenea, ambele rapoarte au vizat o sanctionare oficiala (girata de autoritatile romane) a celor doua extremisme (ororile petrecute intre 1940-1944 si 1945-1989 fiind imposibil de cuantificat si decamuflat in timpul perioadei comuniste). Din componenta Comisiei Wiesel au facut parte in principal istorici si sociologi; din componenta Comisiei Tismaneanu au facut parte, de asemenea, istorici, sociologi si politologi, dar si jurnalisti, oameni de litere, personalitati civice, caracterul acesteia fiind mai eterogen decat al Comisiei Wiesel. De mentionat: doi dintre membrii Comisiei Wiesel au facut parte si din Comisia Tismaneanu, este vorba despre istoricii Andrei Pippidi (membru propriu-zis) si Adrian Cioflanca (expert). De remarcat, de asemenea: din Comisia Wiesel au facut parte doi consilieri prezidentiali ai lui Ion Iliescu, Ioan Scurtu si Victor Opaschi (prin urmare, macar un minim control tutelar al lui Ion Iliescu a existat, cei doi istorici amintiti putand monitoriza pentru presedinte activitatea Comisiei Wiesel); in schimb, desi CPADCR a fost creata de presedintele Traian Basescu, din Comisia Tismaneanu nu a facut parte vreun consilier prezidential, astfel incat nu a existat vreo interferenta a autoritatilor cu activitatea Comisiei; din Comisia Tismaneanu a facut parte, totusi, un consilier, dar al adversarului presedintelui Basescu, primul ministru Calin Popescu Tariceanu, este vorba despre remarcabilul istoric Marius Oprea (specializat pe analiza Securitatii). Singurul lucru in care Administratia Prezidentiala s-a implicat a fost acela de a cataliza accesarea Arhivelor de catre expertii CPADCR.
La 11 noiembrie 2004, Raportul Final realizat de Comisia Wiesel i-a fost prezentat lui Ion Iliescu; acest raport a fost semnalat public, dar nu a si fost dezbatut public decat minimal; raportul produs de Comisia Wiesel a avut putini detractori, iar acestia au fost exclusiv din varii factiuni ale extremei drepte care se manifesta politic si cultural in Romania postcomunista. Raportul Final realizat de Comisia Tismaneanu i-a fost predat in noiembrie 2006 lui Traian Basescu - acesta a prezentat concluziile respectivului raport in fata Camerelor reunite ale parlamentului, in 18 decembrie 2006, fiind boicotat de reprezentantii catorva partide alergice la ideea de sanctionare a comunismului: PRM in principal, PSD in plan secundar (desi raportul nu a avut coloratura revansarda, ci a fost redactat in spiritul liberalismului civic, el a fost perceput, uneori, ca un document coleric-politic menit sa produca discordie). Daca raportul Comisiei Wiesel a avut un caracter amplu istoric si factual, raportul Comisiei Tismaneanu a mizat pe caracterul politologic legat de deconstructia ideologiei comuniste, neuitand, fireste, de factualitatea necesara unui asemenea raport in legatura cu victimologia aferenta (raportul a pedalat pe un caracter initial prioritar politologic, intrucat acesta a fost documentul cathartic dorit de Presedintie
Relative Sizes
The size of Israel is:

1/6 of 1 percent (1/625) of the land of the Arab League Nations
Approximately the size of New Jersey
1/20 the size of California
2/3 the size of Belgium
1/26 the size of France
Slightly larger than Kuwait
Jewish and Muslim Populations Compared

5.5 million Israeli Jews compared to more than 300 million Middle Eastern Arabs and Muslims
13 million Jews worldwide compared to 1.3 billion Muslims worldwide
Religious Majorities in Countried around the World

56 nations have Islamic majorities.
49 nations have Roman Catholic majorities.
20 nations have Protestant majorities.
12 nations have Eastern Orthodox majorities.
4 nations have Hindu majorities.
1 nation has a Jewish majority.

fara rusine

Moshe Katsav , el, ala cu violurile, ala care e sub control judiciar in israel, ala care urla la jurnalisti in urma cu un an si ceva, " intentioneaza sa lanseze proiecte imobiliare in Rusia si Romania, in ultimul timp el fiind des vazut la Bucuresti, unde cauta terenuri pentru ridicarea unor complexuri rezidentiale, relateaza miercuri in editia sa online Yediot Aharono, preluat de Rompres.O sursa din anturajul ex-presedintelui israelian a declarat publicatiei citate ca "piata imobiliara din Europa de Est este atractiva din punct de vedere al preturilor, iar Katzav intentioneaza sa profite de aceasta oportunitate"(ziua.ro).

intreb si ma intreb

de ce a aparut tocmai acum acel jurnal, de ce in iulie cand toata lunea sta cu genunchii la prajeala?... de ce s-a transmis ca o stire oarecare, una intre multele...

citez din ziua.ro

-- Potrivit "Jurnalului de lupta" depus la dosarul Revolutiei, "regimul s-a folosit de ofiteri de securitate si de trupe speciale, infiltrati printre manifestanti, pentru a arunca vina pe seama armatei"
Nota cu privire la activitatea desfasurata la Timisoara, in perioada 17- 22.12.1989, intocmita de generalul-maior Dumitru Ionescu, releva aceeasi stare de confuzie. "Datorita actiunilor unor grupuri de oameni drogati, organizate si dotate cu mijloace incendiare, arme de foc, cutite, pietre, mijloace de injunghiere prin aruncare de la distanta etc., si conduse de indivizi cu deosebita autoritate si pregatire in domeniu, au creat o situatie ce cu greu poate fi descrisa si tot atat de greu de inteles: flacarile devastatoare, furturile, zvonurile, teroarea, haosul, anarhia, exploziile, avariile si moartea aveau sa stapaneasca populatia si unitatile militare, cu unele intermitente, pana in dimineata zilei de 19.12". Totodata, colonelul relateaza in nota sa ca in 17 decembrie, la ora 15.00, generalul Vasile Milea i-a comunicat telefonic ca are informatii potrivit carora "grupuri de indivizi inarmati ar intentiona sa atace unitatile militare. "Ordona sa se ia masuri de aparare cu orice pret. Focul, daca va fi nevoie, sa fie executat, potrivit prevederilor legale: somare, foc in aer, foc la picioare


scrie tot in ziua.ro ceva ce poate sa ridice panza
Documentul a fost desecretizat in urma solicitării avocaţilor din dosarul in care generalii Stănculescu şi Chiţac sunt acuzaţi de faptul că au ordonat armatei să tragă in revoluţionari la Timişoara. El a fost depus la cauză in urmă cu cateva săptămani şi conţine descrierea pe ore, a evenimentelor de la Timişoara.Din document reiese că trupe ale Securităţii, Miliţiei şi Unităţii Speciale de Luptă Antiterorism s-au infiltrat printre militari, potrivit Realitatea Tv. Aceşti militari sub acoperire, dacă putem spune aşa, ar fi tras asupra manifestanţilor, in special in momentele in care armata trăgea focuri de avertizare. Prezenţa acestor forţe, specializate in acţiuni represive, apare şi in declaraţiile unor locotenenţi care spun că printre militari s-au strecurat persoane necunoscute, dar in uniformă, care aveau lanterne foarte puternice cu care luminau balcoanele blocurilor, după care trăgeau asupra lor. De asemenea, pe parcursul jurnalului de luptă apar informaţii despre persoane rămase incă neidentificate, care trăgeau asupra militarilor.In acea perioadă, zeci de soldaţi au fost ucişi sau răniţi. In documente se menţionează că armata nu a atacat niciodată mulţimea iar ordinele primite se refereau doar la apărarea obiectivelor.

bucuria de a trai



atentie la mobil


Dl. Mironov ne transmite in Cronica Romana un
Set de reguli, incepand cu o… axioma: pentru ca oasele corpului unui copil sunt mult mai subtiri decat ale unui adult, nu dati telefoanele mobile pe mana copiilor vostri, caci riscul dezastrelor viitoare este mult mai mare la cei mici decat la adulti! Iata “codul electromagnetic” in continuare, explicandu-va ca nu numai publicatiile de stiinta il fac cunoscut, ci chiar mass-media generalista (vezi respectata revista “L’Express”):
1. In primul rand folositi castile (asa numitele hands free), caci in acest fel campul electromagnetic ce genereaza microundele este mai departe de craniul dumneavoastra;
2. Nu depasiti 5 – 6 minute intr-o conversatie;
3. Nu vorbiti la telefon cand sunteti in tren, automobil, metrou, ascensor (ca sa va urmareasca convorbirea, puterea telefonului se mareste de cateva ori);
4. Pentru femeile gravide: este bine sa reduca convorbirile la minimum, dar mai ales sa nu tina telefonul langa burta, fatul in formare este mult mai in pericol decat gravida;
5. Nu numai copiilor ci si adolescentilor ar trebui sa li se limiteze – chiar sa li se interzica folosirea celularului (mai sensibili decat adultii, dezvoltand cu mai mare viteza eventualele tumori);
6. Nu purtati mult telefonul mobil la centura si nici in buzunarul de la piept al hainei, ci in poseta sau geanta;
7. Stingeti borna wi-fi in timpul noptii;
8. Nu tineti laptopul wi-fi pe genunchi, nici prea aproape de corp, folositi-l asezat pe o masa, un scaun, pe birou.

cititi intrwegul articolaici

in alb-negru

un site impresionant, cutremurator mai exact
marturii mute, in alb si negru care urla in inima ta cand le privesti
le-as trimite pozele astea facute la spitalul de copii alora care se tin de aberatii cu control mental, arme telepatice, e-uri ortavitoare, inscenari de invazii extratesestre, holograme demente si alte monstruozitati
daca au inima macar cat un bob de grau se vor rusina

miercuri, 9 iulie 2008

poate ca Dumnezeu s-a plictisit de noi

ma intreb pe cine ar putea interesa ce e in mintea mea... mai ales ca eu pot sa ma mint singura, pot sa fiu rea sau proasta, rau informata, ignoranta, patetica...ce mare scofala sa intri in mintea unui om... si daca intri cand se gandeste la o mancare de mazare sau la o culoare noua pentru unghii... cand se gandeste sa-si faca plinul la masina sau la ultima erectie esuata...mintea si gandurile sunt ale fiecaruia... de ce ar vrea cineva sa le controleze ... comunistii au incercat, au adunat arhive peste arhive... la ce a servit?... peste inca o generatie nu va mai interesa pe nimeni... cand citesc aberatiile astea raman proasta
ia uite cate proiecte pentru controlul mintii...
nu sunt capabili sa vindece leucemia sau cancerul de colon al bebelusilor si ii pasioneaza deja sa-le controleze mintea...in africa femeile inca se mai echivaleaza in numarul de capre sau in camile si ei vor controlul mintilor
beei... v-ati facut "cacademicieni" prin america si v-ati pierdut bunul simt si uzul ratiunii

sursa:http://www.geocities.com/area51/Shadowlands/6583/mind.html
005K Major Electromagnetic Mind Control Projects
101K Mind Control: The Current Situation
006K Mind Control and Assinations
005K Mind Control In The 90's
005K Advocacy Committee for Human Experimentation Survivors
008K The Mind Reading Machines
011K Mind Control & MK-ULTRA
013K Healing The Effects of Ritual Abuse
084K The Secret History of Mind Control
014K ELF Waves: A Path to War or Peace?
014K Brief History Of MK-Ultra
014K Mind Control Has It Become A Reality?
065K U.S. Human Rights Abuse Report
016K The Cold War Experiments
000K The CIA, Mind Control & Children
014K Project Monarch: The Tangled Web
018K CIA Experiments With Mind Control on Children
020K Mind Control With Silent Sounds And Super Computers
010K A Clockwork Orange Career
038K Mind Control Slavery and the New World Order
067K Ratting out Puharich - Pioneer Radio Wave Mind Control
017K Microwave Harassment and Mind Control Experimentation
025K CKLN Mind Control Radio Series Tape #27a Kathleen Sullivan
033K Tavistock - The Best Kept Secret In America
022K The New Millennium and the Mind Control Crisis
010K Subliminal CIA
005K The Unabomber: A Volunteer In CIA Mind-Control Experiments
029K Protecting Children from Ritual Abuse and Mind Control
012K PROOF!--Air Force DEEPLY Involved in Mind Control Projects
010K Employment of Psychological Operations
050K The Battle For Your Mind
071K NSA Mind Control and Psyops
017K Domestic Surveillance and Mind Control Technology?
027K The Threat to Civil Liberties
029K Possibility of Direct Access to Every Human Brain
025K Restrictions Needed On EM/RF Mind Control Technology
037K Mind Control Subliminal Transmissions Used During Gulf War
043K Project Monarch
009K Mind Machines
038K The Use of Drugs
012K Microchip Implants, Mind Control and Cybernetics

http://www.geocities.com/area51/Shadowlands/6583/projects.html -
top secret projects
acum daca sunt la liber pe net chiar top secret nu mai sunt
dar cer mai tembel este NASA's Project Blue Beam - the New World Order
cea mai bizara aiureala , care daca are ceav adevarat in ea atunci chiar traim pe o planeta de scelerati si ar trebui sa fie clar ca nu mai avem scapare daca suntem atat de tembeli incat sa ajungem sa credem intr-o holograma...sau intr-un joc de lasere...desi, daca ne gandim ca am avut o revolutie televizata... o executie a ceausestilor in direct far cadavre (mai nou)... morti care nu ies la numar si in care nu se stie cine a tras, de ce sa nu ne gandim ca niste bolnavi la mintea capului lor pot sa inventeze un asemenea scenariu... cand vad delirul jihadului, cozile la mitropolie sa pupe niste oase si declaratiile rabinilor care aduc ploaia numai in mintea lor dusa.. atunci chiar ajung sa cred ca da, suntem o specie tembela... poate Dumnezeu s-a plictisit de noi... are motive

o faza a proiectului astuia spune asa:
"Apoi proiecţiile lui Iisus, Mohamed, Buddha, Krishna etc. se vor uni într-o singură imagine şi Salvatorul universal le va face o mare revelaţie. Le va spune că diversele scripturi sunt false şi că vechile religii sunt responsabile pentru răul de pe planetă. De aceea ele trebuie abolite pentru a lăsa locul unei noi religii care va fi condusă de el, unicul Dumnezeu pe care îl pot vedea cu ochii lor şi auzi cu urechile lor.” ... bine, si cu noi , evreii , cum ramane?... dar cu ateii? dar cu cei care sunt drogati in momenul revelatiei? beti morti sau adormiti cu somnifere? cu cei care sunt nebuni, bolnavi, surzi?...orbi?...
bai, ia , hai, lasati-ma cu aburelile voastre, ca am de scos cartofii din cuptor... ala cu gaz nu cu microunde

cineaşti români in israel


CERCUL CULTURAL DIN IERUSALIM
Vă invităm să luaţi parte la o întâlnire consacrată noilor tendinţe din cinematografia română de azi. Întâlnirea are loc cu ocazia prezenţei în Israel a unei delegaţii de cineaşti români invitaţi să participe la cel de-al 25 Festival Internaţional de Film de la Ierusalim: criticii Cristina Corciovescu şi Alex. Leo Şerban, regizorii Gabriel Sîrbu şi Alexandru Mavrodineanu, precum şi actorul Erwin Simsensohn.
Întâlnirea are loc vineri 11 iulie 2008, la ora 11 dim., în sala Djanogly din complexul Mishkenot Sha’ananim, cartierul Yemin Moshe (vis-a-vis de localul Cinematecii ).

Arma "telepatica" neletala !!!!!

Ministerul american al Apararii s-a angajat in finantarea unui nou tip de arma, care poate influenta creierul uman cu ajutorul microundelor. Arma "telepatica" neletala este capabila sa induca stari de frica si spaima sau un fundal de sunete in subconstient, relateaza portalul Wired. Dupa cum relateaza sursa citata, arma ar putea ajunge pe rafturile magazinelor la fel de usor cum va ajunge pe campurile de lupta.In elaborarea "armei telepatice radiante" este implicata corporatia Sierra Nevada, in cadrul programului MEDUSA (Mob Excess Deterrent Using Silent Audio). Pentru a nu fi confundata cu dispozitive similare care doar emit sunete, aceasta noua "masinarie" foloseste asa-numitul "efect auditiv al microundelor". Raza microundelor este transformata in sunet prin interactiunea cu creierul uman. Astfel sunetele obtinute nu pot fi auzite decat de persoana care se afla pe directia razei.

citez ziua.ro
nu cred ca e un lucru nou... dar m-am cam saturat de stirilea astea...de toate efectele voastre auditive si gustative...de starile de voma pe care mi le provocati

marți, 8 iulie 2008

Ce stiti despre situatia cimitirelor evreiesti din Romania


Guvernul Romaniei trebuie sa se sesizeze din oficiu si sa ia masurile necesare pentru a stopa aceste profanari ale mormintelor evreiesti, chiar daca ele sunt facute de niste evrei!Comisia pentru Drepturile Omului, Culte si Probleme ale Minoritatilor Nationale trebuie sa se sesizeze si trebuie sa faca un raport bine documentat cu solutii pentru stoparea acestui comert mizerabil cu sufletele si cu memoria stramosilor... cimitirele , monumentele, lacasele de cult trebuie sa ramana ca atare, nu trebuie sa li se schimbe destinatia... daca FCER nu e capabila sa administeze singura un asemenea patrimoniu atunci trebuie sa se lase ajutata...

Ce stiti despre situatia cimitirelor evreiesti din Romania !!!!
poate stiti si nu va intereseaza...

in aceasta perioada se iau hotarari care pot sa fie decisive pentru memoria unor comunitati care nu mai exista decat prin locurile de ohihna ale celor care au plecat dintre noi...
nu demult in parlamentul romaniei s-a pus problema cimitirelor evreiesti,
intentionez sa initiez o petitie impotriva abandonarii, distrugerii, vanzarii sau inchirierii locurilor sfinte evreiesti din Romania A existat o declaratie de sustinere este semnata de peste 100 de rabini, in favoarea unei tentative legislative a senatului Romaniei
"Noi, subsemnatii, extrem de ingrijorati de soarta cimitirelor care se afla in Romania si in alte parti ale lumii, am fost socati de imaginile publicate in ultimele cateva luni si saptamani, care prezinta cimitire ce au fost vandute, netinandu-se seama de faptul ca acolo se afla mormintele iubitelor noastre rude inmormantate in acele locuri, ca diferite cimitire au fost inchiriate pentru lucrari agricole, ca peste mormintele stramosilor nostri cresc buruieni, iar animalele salbatice calca mormintele si pietrele funerare. Pe langa cele de mai sus, am primit fotografii ale unor cimitire care au fost lasate in paragina, iar mormintele au fost profanate. Se pare ca, sub administrarea exclusiva a Federatiei Evreiesti, totul a fost abandonat, ca legea nu mai este respectata si ca, de asemenea, nu mai exista nici un fel de autoritate evreiasca legala si competenta. De aceea, suntem foarte bucurosi sa aflam ca Senatul Romaniei a aprobat o propunere legislativa care amendeaza statutul din 2002 - ce transfera Federatiei Evreiesti din Romania drepturile exclusive pentru ca aceste Locuri Sfinte sa nu fie folosite in scop comercial. Sustinem indreptarea acestei nedreptati prin adaugarea la Statutul existent a unei clauze care sa fie inaintata Parlamentului Romaniei si potrivit careia Guvernul Romaniei si Organizatiile Evreiesti din intreaga lume vor administra impreuna locurile de veci ale stramosilor nostri, impreuna cu Federatia Evreiasca de pe plan local."Nu exista o conducere religioasa"Suntem de acord cu opinia rabinului David Shmidal, presedintele Organizatiei Internationale a Cimitirelor Evreiesti "Athra Kadisha", si cu organizatiile altor rabini ce s-au dedicat protejarii cimitirelor evreiesti, care scot in evidenta faptul ca in acele tari unde in trecut au existat comunitati mari si puternice evreiesti, care erau conduse de importanti rabini, in prezent nu exista o conducere religioasa sau un control real. De aceea, este necesar ca noi sa ne bazam pe rabinii respectati din afara Romaniei, care au experienta necesara gestionarii situatiei cimitirelor si locurilor de veci si care nu vor permite ca aceste probleme sa fie rezolvate de catre cei ce nu inteleg situatia de fapt si care nu au nici un fel de experienta intr-o problema atat de delicata si complicata. Acesta este si cazul Romaniei, si este important sa aratam ca sustinem aprobarea acestui important amendament de catre Parlamentul Romaniei. Avand in vedere toate acestea, sustinem pe deplin actiunile Rabinului Eliyahu Kaufman si ale lui David Kahan, presedintele Asociatiei Evreilor Romano-Americani in actiunea de protejare a cimitirelor conform legii si traditiei evreiesti. Potrivit legii evreiesti, cimitirele sunt locuri sacre si nu pot face obiectul tranzactiilor imobiliare. Tocmai de aceea este necesara numirea unui Rabin cu experienta in gestionarea situatiei acestor locuri sfinte."
O lege promulgata de Guvernul Romaniei ar putea reglementa situatia cimitirelor evreiesti daca dr. Aurel Vainer, Marele Rabin Menahem Hacohen si aparatorii cimitirelor din Israel si SUA ar cadea de acord asupra unei modalitati de prezervare a lor impreuna cu organele statului.
Recent am primit un telefon de la o persoana originara din Moldova care mi-a spus ca la apelul ei de a nu fi distrus cimitirul in care bunicul ei, un mare rabin, un tzadik isi doarme somnul de veci i s-a raspuns ca nu sunt bani la federatie asa ca vor vinde din pamantul cimitirului ca sa aiba bani sa puna un gard
de rasu-plansu,nu?
cam cat pamant din cimitire e necesar sa vindem ca sa punem un gard?...
eu nu am constiinta linistita daca tac... poate ca nu ajuta la nimic, poate ca nu pot sa misc muntii din loc sau un deputat de pe scaunul lui, dar pentru ca stiu in ce stare sunt cimitirele evreiesti din Romania si pentru ca stiu ca federatia nu este atat de nevoiasa, atunci , de la nivelul meu atat de mic, ridic vocea mea de femeie
am sa initiez aceasta campanie si va invit sa semnati si voi petitia pe care am sa o postez aici.

pentru articolul din ziua,apasa aici
,si aici
mergand pe fir mai departe, am gasit ,si asta, ,si asta, si asta, si asta,

comentariile pe marginea articolelor ale unor romani din bucurestisau cine mai stie de pe unde, sunt de-a dreptul hilare.... oare ce treaba are guvernul Romaniei?... sa se descurce evreii intre ei, cimitirele sunt ale lor, ce ne priveste pe noi, poate chiar e legitim sa creasca rate in cimitir si sa cultive legume, ce stim noi despre ce au voie sa faca niste evrei in cimitir, poate e chiar legitim sa vanda morminte.... mai , baieti, dar voi mancati ciuperci nebune?...va auziti ce spuneti?...

Paolo Conte - vieni via con me

Mambo Italiano

Mambo Nr 5

Noa - beautiful that way

Che cos'è la Tfilà - Preghiera nella Kabbalah?

http://www.kabbalah.info/italykab/Testi_Autentici/La_Tfila.htm
Dal libro "Discorsi sui gradini della Scala", Volume A
Discorso sull'articolo "Che significa la metà dello Shekel nel Lavoro?"



Tfilà vuol dire il rapporto verso il Creatore. E' ciò che in questo momento l’uomo sente verso la Forza Superiore che lo conduce. L’uomo, volente o nolente, si rapporta sempre al Creatore dal punto più interiore del cuore. Anche se non crede all’esistenza del Creatore, e non Lo percepisce, il cuore di ogni creatura riceve i riempimenti che sente esclusivamente dalla sorgente. Il che equivale a dire, che l’uomo sente sempre il Creatore.

Perché il rapporto verso il Creatore si chiama Tfilà?

Tutte le emozioni che l’uomo sente nel cuore, sorgono dal Creatore, e perciò la sensazione che egli ha nel cuore non viene considerata una preghiera. La Tfilà é l’appello dell’uomo al Creatore, e infatti la parola ebraica “Tfilà” viene dalla radice “palal” che significa “incolparsi”, cioè giudicare me stesso rispetto al tipo di connessione che ho con la sorgente delle mie sensazioni - il Creatore. E dato che l’origine delle sensazioni dell’uomo é il "Buono e benefattore" (Tov umeitiv), ecco che nella preghiera l’uomo esprimerà la differenza tra la propria sensazione e il "Buono e benefattore". Così l’uomo scopre quanto é guasto il suo cuore. La preghiera é la percezione della differenza tra l’uomo e il Creatore.

In altre parole, se l’uomo misurasse la differenza tra ciò che il Creatore influenza nel cuore, e ciò che il cuore sente, e come poi egli reagisca, (l'uomo) si accorgerebbe quanto é degradato. Poiché se l’uomo fosse corretto al cento per cento, percepirebbe il "Buono e benefattore" al cento per cento. E più la sua sensazione sarà opposta a ciò, più testimonierà la misura della sua degradazione.

E non é solo su questo che ciò testimonia, ma anche sulla posizione dell’uomo. Dal momento che il Creatore "Buono e benefattore" dona all’uomo in tutti i 620 canali, l’uomo sa in quali dei canali percepisce di più o di meno, e in quali sente bene o male.

Se l'uomo ha un quadro generale dell'anima, vede e percepisce tutto. A ogni gradino egli sa dove si trovi e quale sia il quadro dello stato finale, che gli mostra la differenza tra il suo stato corretto e il suo stato attuale.

Tutte le cose sulla cui base l'uomo giudica il suo rapporto verso il Creatore - il loro completo insieme si chiama "Tfilà - Preghiera".

La Tfilà erompe dal cuore dell'uomo come conseguenza delle sue sensazioni. La Tfilà deve erompere dalla profondità del cuore prima ancora che l’uomo cominci a controllare con la mente la sensazione del cuore - prima ancora che egli cominci a comprenderla e a pensarvi.

E' la sensazione latente nel cuore, prima ancora che l’uomo provi a controllarla, che si chiama "Tfilà".

Ma se la preghiera anticipa il controllo dell’uomo, come mai all’uomo é stato detto di pregare, di raggiungere lo stato di "Tfilà", come se la preghiera dipendesse dai suoi sforzi o dalla sua libera scelta?

La risposta é, che l’uomo deve raggiungere il desiderio che si chiama Tfilà tramite vari tipi di azioni e mezzi che conducono al desiderio giusto. La preghiera é il riassunto, é il risultato, oramai esistente, delle preparazioni che l'uomo ha svolto. E allora, ogni volta che prega, quando sente nel cuore una certa relazione con il Creatore, allora la sua preghiera al Creatore é sempre nuova.

Quali elementi della preghiera possono essere sotto il controllo dell'uomo?

E' scritto: “Iagati umatzati” (Faticavo e avevo trovato). Lo sforzo é sotto il controllo dell’uomo, mentre il risultato non lo é. Come mai? Perché noi svolgiamo il lavoro sulla nostra anima anche quando non ne conosciamo la struttura e le vie di sviluppo. L’uomo deve solamente fare del suo meglio e sforzarsi, dedicandosi sia in quantità che in qualità rispetto allo sforzo; e non preoccupandosi dei risultati, della strada e delle situazioni che dovrebbe attraversare, né del ritmo del suo progresso e né della sua forma finale. Poiché non solo l’uomo non può conoscere la propria forma finale, ma anche ad ogni innalzamento in uno stato nuovo, egli non sa dove finirà. Questo avviene perché all’uomo si rivela ogni volta una parte nuova della propria anima, che prima invece gli era nascosta. Perciò, nell’elevazione spirituale lo sforzo deve essere diretto oltre la ragione, cioè all’opposto della nostra ragione nel suo stato attuale - all’opposto di ciò che pensiamo e comprendiamo.

Che cos’é la "Tfilà totale"?

L'uomo arriva allo stato di "Tfilà totale", se il suo cuore é in assoluto accordo con il Creatore, e allora tra lui e il Creatore non c'é alcuna cosa che degradi la percezione del "Buono e benefattore". Ne consegue, che la sua preghiera sarà identica a quella scritta nel "Sidur" (il libro delle preghiere), o con ciò che é scritto nella parte dodicesima dello "Studio dei Dieci Sfirot".